NORD AMERICA
Haserot Angel: il guardiano piangente del cimitero di Cleveland
22 October 2014
3
, ,
L’affascinante e allo stesso tempo inquietante sensazione provata osservando Haserot Angel e’ che la sua presenza sia reale, in grado di render partecipi del dolore per la morte dei defunti che sorveglia e insieme custodisce.

Sara’ per lo sguardo impenetrabile che mi fissava dritta negli occhi o per le lacrime nere che gli (uso il maschile ma in realta’ gli angeli sono senza sesso) scorrono sul viso rendendolo quasi umano o per la posa inconsueta per un angelo tombale e totalmente spiazzante, ma mi aspettavo quasi che da un momento all’altro avrebbe sbattuto le palpebre e mi avrebbe presa sotto ad una delle sue maestose ali, a piangere insieme i cari perduti.

Haserot Angel, conosciuto anche come L’Angelo della Morte Vittorioso, e’ la piu’ celebre scultura sepolcrale all’interno di Lake View Cemetery, a Cleveland (Ohio), eterno e silenzioso guardiano di bronzo della tomba di Francis Haserot e della sua famiglia, realizzato dallo scultore americano Herman Matzen nel 1924.

La posa e’ completamente differente da quella dei tradizionali “angeli da cimitero”, che solitamente ispirano consolazione a chi e’ in lutto. Haserot Angel invece e’ imponente e fiero (azzeccato direi il termine “vittorioso”), con le ali completamente spiegate, seduto ma con un piede in avanti come se stesse per alzarsi, creando un’illusione di movimento, le braccia chiuse attorno ad una torcia capovolta, simbolo della vita che si spegne.

Mi piace pensare che le lacrime che solcano la sua pelle bronzea siano il risultato indotto dal grande dolore provato dai vivi per la morte della famiglia Haserot, piuttosto che la conseguenza dello scorrere del tempo e dell’avvicendarsi di diverse condizioni climatiche.

O forse, come suggerisce il soprannome “Angelo della Morte Vittorioso”, c’e’ una doppia valenza intrinseca alla statua e alla sua essenza: meta’ angelo, fiero e compassionevole, e meta’ demone, spaventosa e sinistra presenza nel cimitero (che infatti secondo molti sarebbe stregato, sebbene non esistano storie specifiche a riguardo) che scruta ermetico coloro che si avvicinano alla tomba che sorveglia, ricordando loro la caducita’ della vita umana. Memento Mori si dice in latino.

Haserot Angel si trova poco lontano dall’ingresso posto su Euclid Avenue, lungo Edgehill Road, accanto al sepolcro del senatore Marcus Hanna.

Molti, tra cui la sottroscritta, si avventurano qui esclusivamente per fare visita all’angelo, nonostante a mia sorpresa il cimitero si sia rivelato colmo di sculture, memoriali, mausolei e monumenti interessanti.

Lake View Cemetery e’ piu’ un parco che un cimitero vero e proprio (viene infatti chiamato anche Il museo all’aria aperta di Cleveland) e vi sono sepolti personaggi molto noti come James Garfield, 20esimo Presidente degli Stati Uniti e John D. Rockefeller, magnate dell’industria petrolifera.

E’ uno dei cimiteri piu’ grandi di tutto lo stato dell’Ohio e il primo nucleo, risalente al 1869, venne costruito interamente da operai e tagliapietre italiani, i quali si insediarono poi nel quartiere noto attualmente come Little Italy, proprio a ridosso di Lake View.

Il memoriale e il monumento al Presidente Garfield, la Wade Chapel, il mausoleo comunitario, l’obelisco alla famiglia Rockefeller e naturalmente l’angelo Haserot sono i principali punti di interesse.

E’ molto piacevole anche solo fare una bella passeggiata o leggere un libro sul prato, proprio come si farebbe in un parco.

Ho avuto la fortuna di poter visitare il cimitero a ottobre inoltrato, con il tipico e coloratissimo foliage autunnale riflesso nei laghetti tutt’intorno, durante una mattinata umida e uggiosa, immersa in un’ambiente tutt’altro che sinistro o mesto ma di solenne silenzio e tranquillita’.

About author

Leggi anche

Cascate del Niagara. Parte 2: sapere cosa aspettarsi

Continua a leggere

Cascate del Niagara. Parte 1: prima le buone notizie.

Continua a leggere

Gallery One: il Santo Graal del Museo d’Arte di Cleveland

Continua a leggere

There are 3 comments

  • Luigi says:

    Belle fotografie, molto suggestive.

  • Laura G. says:

    Bella la scelta insolita del soggetto e ben fatto l’articolo stesso! Uno tra i miei preferiti.

  • Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *