NORD EUROPA
48 ore in Cornovaglia: itinerario nel sud-ovest dell’Inghilterra
17 November 2015
0
, , , ,
Un viaggio tra miti e leggende, giardini incantati, quiete campagnola e paesaggi bucolici, in contrapposizione a scogliere mozzafiato a picco sul mare. Ecco le mie 48 ore in Cornovaglia.

La Cornovaglia e’ una penisola-contea del sud-ovest della Gran Bretagna, interamente protesa verso l’Oceano Atlantico. Un lembo di terra estremo, separato fisicamente dal resto del Paese attraverso il corso del fiume Tamar.
Nei panorami e’ molto simile all’Irlanda e come quest’ultima fa parte della cosiddetta Celtic League, ovvero il gruppo delle sei regioni europee in cui tutt’oggi si riscontrano tratti derivati dal retaggio culturale celtico, dalla lingua fino alle credenze popolari e alle tradizioni.
Per questi motivi (geografici e culturali) gli abitanti della Cornovaglia non si sentono inglesi: “I’m not English, I’m Cornish”, afferma il proprietario del B&B presso cui ho soggiornato.
Il tempo per visitare la regione e’ ideale in primavera, con i prati in fiore e le giornate fresche e soleggiate.
Il mezzo piu’ comodo per spostarsi e’ la macchina, a meno che non abbiate problemi con la guida a sinistra.
I costi contenuti e la presenza di numerosi luoghi da esplorare in distanze relativamente contenute la rendono una meta low cost ideale per weekend lunghi o come tappa per un viaggio in Inghilterra.

GIORNO 1

Per raggiungere la mia destinazione ho scelto un volo economico Ryanair Milano-Bristol, citta’ posta ad un paio d’ore d’auto dalla prima sosta.
In aeroporto ho ritirato l’auto noleggiata tramite il mio sito di fiducia Rentalcars.

BOSCASTLE

Prima tappa del mio on the road e’ stata la cittadina di Boscastle, a nord della regione, sul versante Atlantico.
Qui si trova il Museum of Witchcraft and Magic, il piu’ grosso museo al mondo dedicato all’argomento “magia e stregoneria”, con libri, oggetti e amuleti legati alla Wicca, a cerimoniali magici e a rituali popolari. Insomma il luogo perfetto per fare il primo passo verso le tradizioni di questo angolino insolito di Gran Bretagna.

TINTAGEL CASTLE

Poco piu’ a sud di Boscastle si trova Tintagel Castle, castello medievale di cui oggi restano solo le rovine, edificato per meta’ sulla terraferma e per l’altra su un promontorio frastagliato che si tuffa in un tratto di mare chiamato Mare Celtico. Questo e’ senza dubbio il sito storico che piu’ di ogni altro e’ legato alla leggenda di Re Artu’ e i Cavalieri della Tavola Rotonda, in quanto indicato dal famoso scrittore e storico medievale Goffredo di Monmouth come il luogo del concepimento del leggendario sovrano.
Fa parte del complesso anche Merlin’s Cave, la grotta in cui, secondo la leggenda, visse mago Merlino e dove prelevo’ dalle onde del mare il piccolo Artu’ ancora in fasce.
Sebbene del castello originale in realta’ siano rimasti solo muretti in pietra e arcate ormai distrutte, consiglio la visita se non altro per le splendide vedute.
Molto pittoresco il paesino di Tintagel, ideale per una passeggiata e un pranzo veloce o una merenda.

GODREVY LIGHTHOUSE

Ad un’ora e mezza d’auto, nel profondo sud della Cornovaglia si trova il faro di Godrevy, all’interno della baia di St Ives.
Si tratta del faro che ispiro’ la scrittrice inglese Virginia Wolf e che si ritrova nella famosa opera To the Lighthouse. La Wolf era infatti solita trascorrere qui le proprie vacanze con la famiglia durante l’infanzia e il 12 settembre 1982 si reco’ in visita al faro e ne firmo’ il libro degli ospiti.
Per me, appassionata dei grandi classici della letteratura e da sempre affascinata dai fari, si e’ trattato di una tappa imperdibile!

PERNOTTAMENTO

In queste parti d’Europa il modo migliore per alloggiare e’ rappresentato dai B&B e dalle Guesthouse che nella maggior parte dei casi consistono in adorabili cottages in stile inglese.
L’ospitalita’ e la cortesia dei padroni di casa e’ sempre impeccabile, l’atmosfera e’ intima e familiare, le camere sono curatissime e pulite e le colazioni home-made favolose!
Per la notte ho dormito presso il tipico Treverbyn House, coccolata dai proprietari Tim e Heather, nella loro casa da sogno.
Al risveglio ho trovato una ricca colazione tipica della Cornovaglia a base di uova strapazzate, pomodori, funghi, salsiccia e spremuta fresca..la carica giusta per una nuova giornata.

GIORNO 2

CHIESA DI ST JUST IN ROSELAND

La chiesa anglicana di St Just in Roseland risale al 13esimo secolo e venne edificata sopra ad una cappella celtica del sesto secolo.
Una leggenda locale afferma che il santo Giuseppe di Arimatea, citato nel Nuovo Testamento e coinvolto nella crocefissione, porto’ con se’ in Cornovaglia suo nipote Gesu’, approdando proprio a St Just in Roseland. Per questo motivo la chiesa e tutto il complesso sono da secoli luogo di pellegrinaggio.
Il padrone del Treverbyn House mi ha confidato che la sua famiglia e’ talmente legata a questo posto incantato che le ceneri della nonna e della madre sono state cosparse proprio qui.
Fede religiosa a parte, l’ho trovata una delle piu’ belle chiese mai viste, non soltanto per l’edificio in sè e il bellissimo orologio che campeggia sulla sua sommita’, ma per l’atmosfera che si crea tutta intorno, a tratti spettrale e surreale data dalla presenza di un giardino di piante sub tropicali (molte delle quali rare), un acquitrino verdognolo e un cimitero con numerose lapidi e croci celtiche a cielo aperto.

THE LOST GARDENS OF HELIGAN

I Giardini Perduti di Heligan erano sulla mia bucket list da tempo e sono stati il motivo principale del viaggio in Cornovaglia.
Dei veri e propri giardini incantati in cui perdersi tra giganti di fango ed erba, prati verdi, ponti di corda sospesi, animali della fattoria, giungle, serre in fiore e angolini misteriosi.
Il terreno e’ di proprieta’  della famiglia Tremayne da oltre 400 anni e nel tempo, le generazioni che si sono susseguite sono riuscite non solo a creare un luogo magico adatto a tutte le eta’, ma anche una comunita’ quasi del tutto autosufficiente.

Dopo quest’ultima tappa a Heligan, ho continuato il mio viaggio verso est per circa tre ore e ho dedicato il GIORNO 3 alla visita di Stonehenge e Londra, con rientro in serata dall’aeroporto di Heathrow.

Qui sotto l’itinerario completo.

INFO, ORARI E COSTI:
Boscastle Museum: £5, per orari e aperture consultare il sito
Tintagel Castle: £7,20, per orari e aperture consultare il sito
– Treverbyn House: Treverbyn House
                                          Tollyfrank Hill
                                          Veryan
                                          Nr. Truro
                                          TR2 5QL
St Just in Roseland: gratis
Giardini di Heligan: £12,50, per orari e aperture consultare il sito

About author

Leggi anche

Brick Lane: alla scoperta dell’East End di Londra

Continua a leggere

Stonehenge: impressioni e consigli sulla visita

Continua a leggere

Irlanda on the road

Continua a leggere

There are 0 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *