CONSIGLI DI VIAGGIO
5 siti per viaggiare low cost
21 January 2016
0
, ,
Viaggiare e’ da sempre uno dei bisogni piu’ sublimi dello spirito umano, una passione che accomuna milioni di persone ma…quanto costa?

Non tutti possono permettersi un volo intercontinentale all’anno, fughe romantiche in capitali europee o lunghi viaggi dall’altra parte del mondo….o forse si???

Partendo dal presupposto che nessuno vi regalera’ mai niente nel mondo dei viaggi cosi’ come nella vita, va pero’ detto che con qualche piccolo accorgimento, una buona dose di flessibilita’ in termini di periodi di vacanza e destinazione e tanta pazienza (perche’ le occasioni non vi piomberanno magicamente addosso ma dovrete attivarvi mesi prima, impostare alert e tenere monitorati piu’ siti) si puo’ davvero risparmiare in maniera consistente senza dover sopportare scali interminabili, catapecchie fatiscenti come alloggi o cibo scadente.

Di suggerimenti su come  viaggiare low cost ce ne sono a centinaia nel web, tutti utilissimi, che vi spiegheranno qual’e’ il momento migliore per comprare i voli aerei, il giorno della settimana piu’ indicato per prenotare gli alberghi o quali sono le migliori piattaforme per comparare le tariffe aeree, ma in questa sede mi piacerebbe aggiungere qualcosa di nuovo e meno conosciuto al panorama dei consigli per viaggi low cost, proponendovi quelli che a mio avviso sono 5 tra i migliori siti internet per vedere il mondo spendendo il meno possibile.

PET SITTING – www.trustedhousesitters.com

Trusted House Sitter e’ il sito perfetto per gli amanti degli animali che adorano viaggiare.

Affidabile e semplice da usare, permette a chiunque abbia una minima esperienza nel pet sitting di viaggiare risparmiando al 100%  sull’alloggio, poiche’ gli utenti vengono ospitati in dimore sparse per il mondo, prendendosi cura, in cambio, degli animali domestici dei padroni di casa.

Molto spesso i proprietari si assentano per giorni o settimane, per motivi lavorativi o di piacere e non potendo portare con se’ i propri animali ingaggiano tramite il sito qualcuno che li accudisca.

La quota associativa costa circa 90 euro l’anno e dopo aver creato il proprio profilo e’ sufficiente selezionare il luogo del mondo che si desidera visitare oppure la tipologia di animale di cui ci si vuole prendere cura (gatti, cani, cavalli, rettili, animali della fattoria) e inviare infine la propria candidatura.

Ad esempio, in questo momento e’ attivo un annuncio in cui si cerca un dog sitter a Tokyo dall’8 al 17 febbraio. I compiti richiesti, in cambio di alloggio gratuito, sono molto semplici: portare i tre cagnolini a spasso, nutrirli due volte al giorno e ovviamente tenere la casa in ordine.

I periodi di permanenza variano da pochi giorni a mesi interi, le location sono sparse in tutti i continenti, compresi luoghi da sogno come Bali, le Filippine, le Hawaii e i Caraibi e spesso le case sono delle bellissime ville con vista mare e ogni genere di comfort!

HOME EXCHANGE – www.scambiocasa.com

Se avete visto il film L’amore non va in vacanza sapete gia’ di che cosa sto parlando.
Lo scambio casa e’ un modo di viaggiare low cost che sta prendendo sempre piu’ piede in Italia e nel resto del mondo, permettendo a persone distanti tra loro di scambiarsi reciprocamente le dimore per un periodo di tempo prestabilito, senza alcun trasferimento di denaro.

Fortunatamente viviamo in uno dei Paesi piu’ belli, percio’ le richieste per home exchange saranno sempre numerose, anche per coloro che non abitano in zone turistiche.

La tassa annuale di iscrizione  e’ di 130 euro e il sito, in italiano, e’ molto intuitivo e semplice da utilizzare.

Certo, all’inizio non e’ facile abituarsi all’idea di lasciare la propria casa a dei perfetti sconosciuti, ma tramite un sistema di recensioni incrociate e il contatto diretto con la persona con cui si effettua lo scambio, si possono ridurre al minimo gli inconvenienti.

USA ON THE ROAD – www.transfercarus.com

Il costo piu’ incisivo del mio coast to coast negli Stati Uniti e’ stato il noleggio dell’automobile, per non parlare della sovrattassa che tutte le compagnie di rental car fanno pagare per tragitti “solo andata”, ovvero con consegna del mezzo in una localita’ differente da quella di partenza. Ho impiegato del tempo per trovare la tariffa piu’ vantaggiosa e comunque non sono riuscita a scendere sotto i 100$. D’altronde la macchina qualcuno doveva pur portarla da San Diego (punto finale del mio viaggio) a Miami (punto di partenza)…e perche’ non voi?
Perche’ non essere proprio voi le persone incaricate di riportare al noleggio di origine auto o camper gratuitamente o al costo simbolico di 1$ al giorno?
Tramite il sito di TransferCar (valido solo per viaggi one way su territorio statunitense e neozelandese) potrete coronare il vostro sogno di un on the road in America senza alcun costo per il noleggio.
Oggi ad esempio cliccando sullo Stato di New York troverete moltissime richieste per portare un camper da NYC a Las Vegas o San Francisco in 15 giorni al costo totale di $15!

COUCHSURFING – www.couchsurfing.com

La parola Couchsurfing e’ un neologismo nato pochi anni fa e significa letteralmente surfare il divano, indicando la sempre maggiore tendenza, soprattutto tra i giovani ma in generale tra tutti colori che si sanno adattare, a cercare ospitalita’ per brevi periodi sui divani (o qualunque altro spazio disponibile) in casa di sconosciuti.

L’idea del sito nacque dopo che, nel 1999, uno studente prenoto’ un volo low cost Boston-Islanda e invio’ piu’ di mille e-mail agli studenti di un campus universitario islandese, chiedendo chi potesse ospitarlo sul proprio divano. Avendo ricevuto piu’ di 50 offerte, sviluppo’ in seguito l’idea di una piattaforma in chiave social che desse la possibilita’ di trovare facilmente ospitalita’ in ogni parte del mondo. Nacque cosi’ couchsurfing.com, con all’attivo milioni di iscritti in migliaia di citta’ diverse.

La sicurezza di alloggiare in casa di persone che non si conoscono non c’e’ al 100%, ma tramite un sistema di feedback reciproci, ospiti e ospitanti creano profili sempre piu’ affidabili.

ERROR-FARE – www.piratinviaggio.it

E’ risaputo che il biglietto aereo rappresenta quasi sempre la voce piu’ gravosa quando si parla di spese di viaggio.
Oramai sono presenti moltissime piattaforme che permettono di comparare centinaia di voli e compagnie aeree per trovare l’opzione piu’ economica. E’ noto inoltre che i giorni migliori per prenotare un volo sono il martedi’ e il mercoledi’ e tra le 3 e le 12 settimane prima della partenza, ma nonostante cio’ i costi restano comunque sostenuti.
Ecco allora che entrano in gioco gli error-fare.
Si tratta di veri e propri errori commessi nella scrittura del prezzo del volo (una cifra in meno, una virgola dove non serviva, una svista nella conversione tra valute) o nella computazione delle tasse e, come tali, vengono corretti non appena la compagnia aerea se ne accorge, rimanendo attivi a volte per pochissime ore.

E’ grazie agli error-fare che si possono ad esempio trovare voli a/r Milano-NYC a meno di 200 euro o tratte Europa-Sud America a  300 euro..dei veri e propri affari da prendere al ”volo”!

Il sito italiano piu’ autorevole in materia e’ Pirati in Viaggio che, senza alcun costo o quota associativa, scova ogni giorno numerosi errori di prezzo e rimanda direttamente al sito della compagnia aerea dove potrete completare la prenotazione.

I biglietti acquistati tramite questo trucchetto sono di norma sempre validi, a meno che non vengano erroneamente venduti ad un costo pari a zero (e anche in caso venissero cancellati verrete rimborsati). Il consiglio e’ comunque sempre quello di pagare con carta di credito che processa i pagamenti piu’ velocemente, permettendovi di ricevere in breve tempo l’e-ticket, che una volta emesso e’ molto difficile da ritrattare.

E voi, conoscete altri siti simili per viaggiare low cost? Avete gia’ avuto modo di utilizzare qualcuno di quelli proposti? Se vi va, raccontatemi le vostre esperienze!

About author

Leggi anche

Global-Medical

Stati Uniti e assicurazione sanitaria: consigli e costi

Continua a leggere

Into the wild: i parchi nazionali statunitensi. Istruzioni per l’uso

Continua a leggere

Uber e Lyft: l’alternativa economica e high-tech ai taxi

Continua a leggere

There are 0 comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *